E’ un un viaggio visivo e sonoro con i contadini del mondo che ogni giorno da  millenni difendono la biodiversità e nutrono i popoli del nostro pianeta.Una video installazione e un programma serale con musica, filmati, fotografia, performance, testimonianze e incontri per il diritto alla Terra e la sovranità alimentare. Si tratta di un percorso artistico-culturale trasversale all’area Arte e Cultura, Ambiente ed Educazione alla Cittadinanza Mondiale realizzato a Milano nel periodo di Expo, da un’idea dei registi Antonio Pacor e Bettina Gozzano, team Focuspuller, e implementato in collaborazione con il “Comitato AgriCultures”.

 

 Il Comitato AgriCultures è composto da associazioni e enti impegnati nel campo della cooperazione internazionale e dell’educazione alla cittadinanza mondiale:Focuspuller, Accesso, AceA Onlus, Deafal Ong, Allpa Onlus, Sunugal, ActionAid Italia, Aiab Lombardia.

Il primo lancio  di AgriCultures si è tenuto il 18 ottobre 2014 alla Fabbrica del Vapore di Milano, dove per la prima volta è stata realizzata e presentata alla città la video-installazione durante l’evento Seminiamo il futuro, patrocinato dal Comune di Milano.

Dal 23 luglio al 1 agosto 2015 AgriCultures è stato presentato al CAM di Corso Garibaldi con una serie di iniziative culturali, eventi teatrali e musicali, mostre fotografiche sul tema della sovranità alimentare. Durante questa settimana ACCESSO ha collaborato alla riuscita dell’evento e ha organizzato la proiezione di “Sangue Verde” di Andrea Segre con la testimonianza di Abdelaziz Sabry che ha raccontato il suo viaggio dall’Egitto all’Italia.